Resta sempre aggiornato sul mondo Rivista Kaizen

iscriviti alla newsletter

Rivista Kaizen Blog

Chi ha paura dell’uomo verde?

Chi ha paura dell’uomo verde?

30/06/2018

Dopo l’episodio di vandalismo avvenuto in una macelleria del Kent, in Inghilterra, le cui vetrine erano state imbrattate da membri dell’ALF (Animal Liberation Front) con la scritta “Stop Killing Animals. Go Vegan”, sono ora i macellai d’oltralpe ad “avere paura” dei vegani. Ecco perché molti di loro si sono riuniti e hanno scritto una lettera indirizzata al ministro dell’interno francese, Gérard Collomb, chiedendo l’intervento della polizia in difesa delle violenze fisiche, verbali e morali di cui sono oggetto. L’appello porta la firma di Jean-François Guihard, presidente della CFBCT (Confederazione francese dei macellai e salumieri), che conta circa 18 mila iscritti. Il ministro ha assicurato che verranno presi provvedimenti. ...

Un ospite molto sgradito

Un ospite molto sgradito

27/06/2018

Una ricerca internazionale condotta dall’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (ISPRA), in collaborazione con Grecia, Spagna, Canarie, Azzorre, Francia, Tunisia e Turchia, ha scoperto che la metà delle tartarughe della specie Caretta caretta che vivono nel Mediterraneo potrebbe avere della plastica all’interno del proprio corpo. Dei 611 esemplari (187 vivi e 424 trovati morti sulle spiagge) presi in esame, il 53% aveva ingerito della plastica, che è rimasta imprigionata all’interno del corpo. Nello specifico, questo materiale è stato trovato nelle feci del 31% delle tartarughe ancora vive, e nell’apparato digerente del 63% di quelle purtroppo trovate morte. ...

Ciao, Koko

Ciao, Koko

24/06/2018

Il 20 giugno, all’età di 46 anni, è morta nel sonno la gorilla Koko: la notizia è stata diffusa con un tweet dalla Gorilla Foundation, l’organizzazione fondata appositamente per seguire questo primate, che era diventato famoso in tutto il mondo perché conosceva oltre 1000 parole del linguaggio dei segni e aveva un QI fra i 75 e i 95 punti. Il suo nome completo era Hanabi-ko (“fuochi d’artificio”, in giapponese), era nata allo zoo di San Francisco il 4 luglio 1971 (quindi tra poco avrebbe compiuto gli anni) e provava un affetto particolare per la gattina All Ball, con cui aveva instaurato un rapporto speciale ...

Emoji dell’insalata

Emoji dell’insalata

22/06/2018

Il nuovo sistema operativo Android P porta con sé un cambiamento apparentemente lieve, ma significativo: l’emoji dell’insalata non avrà più tra gli ingredienti l’uovo, ma solo lattuga, pomodori e cetrioli, come prevede la sua descrizione nel codice Unicode. Lo ha annunciato con un tweet Jennifer Daniel, manager di Google, la quale ha commentato che la decisione è stata presa anche per far sentire più “rappresentati” i vegani. ...

Uno sconfinamento pericoloso

Uno sconfinamento pericoloso

21/06/2018

A fine maggio, Ivan Haralimpiev, un contadino bulgaro, si accorge che una delle sue mucche è sparita: la fuggiasca si chiama Penka, che senza accorgersene ha attraversato il confine con la Serbia, presso Oltomantsi. Poiché non è più in territorio UE, viene fermata alla frontiera e messa in quarantena, con il rischio di finire al mattatoio, secondo protocollo. A quel punto si scatena l’opinione pubblica, che attraverso la stampa e la mobilitazione sul Web chiede a gran voce la liberazione di Penka, per esempio attraverso l’hashtag #savePenka o con una petizione ufficiale su Change.org. Finalmente l’11 giugno l’Agenzia bulgara per la sicurezza alimentare dichiara che la mucca sta bene e può tornare a casa. Un lieto fine, a differenza della “sorella” polacca, che purtroppo non ce l’aveva fatta. ...

Il pessimo esempio di Trento e Bolzano

Il pessimo esempio di Trento e Bolzano

20/06/2018

Le province autonome di Trento e Bolzano hanno consentito al prelievo, alla cattura e anche all’uccisione (da valutare come soluzione estrema) dei grandi carnivori, come orsi e lupi, sul loro territorio. La decisione è stata presa in seguito all’aumento delle popolazioni di queste due specie, che si avvicinerebbero sempre più ai centri abitati e alle coltivazioni. Durissime le reazioni delle associazioni animaliste, come l’Ente Nazionale Protezione Animali (ENPA), che chiedono al nuovo governo di intervenire. ...

Assistente a quattrozampe

Assistente a quattrozampe

19/06/2018

L’ultimo Rapporto Assalco - Zoomark 2018, intitolato La tutela dei pet come conquista civile e sociale e stilato con il contributo di Centro Studio Sintesi, di IRI - Information Resources e dell’Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani (ANMVI), ha fornito dati molto interessanti sulla situazione degli animali da compagna nelle case degli italiani: vivono con noi 30 milioni di pesci, poco meno di 13 milioni di uccelli, 7,5 milioni di gatti, 7 milioni di cani e 3 milioni tra piccoli mammiferi e rettili, per un totale di circa 60 milioni e 400 mila pet. Ma la coabitazione non ci basta: li vorremmo sempre con noi, tanto che è in crescita il numero delle aziende che consentono ai dipendenti di portare con sé in ufficio il proprio animale da compagnia. Risultato? Meno stress e più efficienza! ...

Torino festeggia il Bistecca Day

Torino festeggia il Bistecca Day

18/06/2018

Mentre nel capoluogo piemontese si festeggiava il “Bistecca day”, con Coldiretti che ha realizzato una grande “fattoria italiana” a cielo aperto, per scoprire produttori, agricoltori, allevatori e tutte le nuove figure del campo agricolo, sono stati resi pubblici i dati di consumo sulla carne. Dopo anni di segno negativo, nei primi mesi del 2018 la spesa delle famiglie italiane ha registrato un +5%, per ogni tipologia di carne: suina, ovina e bovina. Il 45% predilige quella proveniente da allevamenti italiani, il 29% chiede che sia locale e il 20% si rivolge ai marchi di qualità. Diminuiscono invece coloro che hanno scelto un’alimentazione vegetale: i vegani passano dal 3 allo 0,9%, cioè un milione in meno rispetto all’anno scorso. Dati che fanno riflettere. ...

La marcia veg

La marcia veg

16/06/2018

Dal 26 aprile al 1° giugno, Jack Mackey, 19enne vegano di St. Albans, nella contea inglese dell’Hertfordshire, si è imbarcato in un’impresa unica: percorrere i 1.600 km (andata e ritorno) che lo separano da Aberdeen, in Scozia, dove a settembre frequenterà l’università, a piedi. Il motivo? Raccogliere fondi a sostegno del Buttercups Sanctuary for Goats, un rifugio locale che si prende cura delle capre salvate dagli allevamenti, dando loro una casa e tanto affetto. Da applausi! ...

Hugo Boss si butta sull’ananas

Hugo Boss si butta sull’ananas

15/06/2018

Svolta cruelty-free anche per il celebre marchio di moda tedesco, che ha lanciato una linea  di sneakers a base di “pelle di ananas”, in edizione limitata. Le scarpe fanno parte della collezione BOSS Menswear e sono disponibili in 4 colori: blue, nero, marrone e giallo. Ma cos’è questa “pelle di ananas”? Si tratta del Piñatex, un materiale vegetale biodegradabile derivato dalle fibre delle foglie del frutto (un sottoprodotto dell’industria dell’ananas), sviluppato dalla designer spagnola Carmen Hijosa. ...

Bianco non più candido

Bianco non più candido

13/06/2018

Uno studio pubblicato sulla rivista Scientific Reports lancia l’allarme: i cambiamenti climatici del pianeta potrebbero portare all’estinzione degli animali dal manto bianco. A causa delle nevi che si sciolgono con almeno un mese di anticipo, gli animali che in inverno fanno la muta (come le donnole o le volpi artiche), e possono contare sulla mimetizzazione con il paesaggio bianco, diventerebbero facili vittime dei predatori. Anche le renne sono in pericolo: sempre a causa dei cambiamenti climatici, rischiano di non trovare più da mangiare nel loro habitat naturale. ...

Il paradiso dei gattofili

Il paradiso dei gattofili

12/06/2018

Avete in previsione un viaggio a Tokyo? Allora non potete non fare tappa a Kichijoji Petit Mura, il villaggio interamente dedicato ai gatti e ispirato ai lavori dello Studio Ghibli, il celebre studio di animazione del maestro Hayao Miyazaki. Al suo interno, troverete ad accogliervi un castello circondato da alberi ed edifici originali e unici, dove i mici possono giocare liberamente e dove potrete osservarli in tutta la loro maestosità (attenzione, però: vige la regola del guardare e non toccare). Il biglietto d’ingressa costa il corrispettivo di circa 9 euro, e il villaggio è aperto tutti i giorni dalle 10 alle 21, e a prezzo ridotto anche di notte. ...

Stop ai test con i macachi

Stop ai test con i macachi

11/06/2018

Dopo lo scandalo delle emissioni truccate, la casa automobilistica tedesca è finita nel mirino perché, per dimostrare che i motori diesel utilizzati non sono dannosi per l’ambiente e le persone, commissionava degli studi che utilizzavano i macachi. Le scimmie venivano rinchiuse per ore in una stanza, messe di fronte a un televisore che trasmetteva cartoni animati e nel frattempo costrette a respirare i gas di scarico, per studiare gli effetti delle emissioni. In seguito alle proteste della PETA, Herbert Diess, amministratore delegato della Volkswagen, ha risposto all’associazione sollevando la problematicità etica di questi esperimenti (che sul piano legale restano validi) e assumendosi l’impegno di non finanziarle più. ...

Fashion coconut

Fashion coconut

10/06/2018

Dopo i funghi, tocca ora alla noce di cocco fare il suo ingresso nel mondo della moda, grazie all’inventiva dei product designer Susmith C. Suseelan e Zuzana Gombosova, fondatori della startup Made from Malai. Il nome della società prende il nome dalle cellule batteriche derivate dall’acqua di cocco scartata da una fabbrica di Kerala, in India, che i due stilisti hanno modellato in borse e altri accessori: il procedimento inizia con la sterilizzazione del liquido, con cui viene “nutrita” una coltura batterica che dà avvio a un processo di fermentazione, della durata di 12-14 giorni. Alla fine, il composto viene raccolto, raffinato, mescolato con fibre di banana ed essiccato. ...

And the winner is… Los Angeles!

And the winner is… Los Angeles!

09/06/2018

La “città degli angeli” è stata incoronata dalla PETA città più vegan friendly degli Stati Uniti, sia per i numerosi festival che vengono organizzati all’ombra della scritta Hollywood che per la vasta diffusione di ristoranti e negozi a misura di vegano. Uno degli esempi più celebri è sicuramente il Little Pine, il ristorante di Moby dove si è tenuta la cerimonia di premiazione. In una recente intervista al Daily Telegraph, il musicista ha dichiarato che smetterà di andare in tour, per dedicarsi maggiormente all’attivismo in difesa degli animali. ...

Effetto yo-yo

Effetto yo-yo

08/06/2018

Ha debuttato il 1° giugno nelle sale cinematografiche USA The Yoyo Effect, opera seconda del premiato regista Michal Siewierski: il documentario si concentra sull’epidemia di obesità che ha colpito i Paesi occidentali e sfata i luoghi comuni più diffusi sulle diete “alla moda”, come la Paleo e la Atkins. Qual è la soluzione per perdere peso e riacquistare la salute per sempre? Una dieta a base di alimenti integrali e vegetali. Al lungometraggio ha partecipato una lista di personalità famose per il proprio impegno nella causa veg, come il dottor Neal Barnard, autore best seller de Il programma Kickstart, l’ultramaratoneta Rich Roll e il CEO di Whole Foods Market John Mackey. ...

Un bilancio rosso sangue

Un bilancio rosso sangue

06/06/2018

Il report pubblicato dalla International Whaling Commission (IWC)  ha tirato le somme sull’ultima stagione di caccia alle balene compiuta dai giapponesi in Antartide: 333 esemplari uccisi, tra cui 122 femmine incinte e 114 cuccioli di balenottera minore. Nonostante dal 1986 sia una pratica vietata, e nonostante le proteste delle principali associazioni a difesa degli animali e dell’ambiente, il Giappone, insieme a Norvegia e Islanda, persevera nella mattanza. ...

Un triste incidente

Un triste incidente

05/06/2018

Durante una gita allo zoo Kecskeméti, in Ungheria, un ragazzino di 12 anni che aveva infilato il braccio tra le sbarre della gabbia dei suricati (nonostante i cartelli di divieto tutto intorno) è stato morso da Zara, una femmina incinta che si trovava al suo interno. Non si sa se per lo spavento o il dolore, lo studente ha fatto uno scatto violento con la mano, sbattendo Zara a terra, che purtroppo è morta sul colpo. Neppure per i suoi piccolini c’è stato nulla da fare. Questa brutta vicenda riaccende il dibattito sulla detenzione degli animali in cattività: ce n’è davvero bisogno? La domanda è retorica. ...

Faux gras

Faux gras

02/06/2018

Dopo il burger e il salmone 100% vegetali, tocca ora al fois gras vestire panni più etici, grazie all’inventiva di Alexis Gauthier, chef del ristorante stellato londinese Gauthier Soho, che dal 1° giugno inserirà in menu il rivoluzionario faux gras, cioè “falso gras”, creato in collaborazione con PETA. Il fois gras, purtroppo lo sappiamo tutti, è pâté di fegato d’oca ottenuto tramite l’alimentazione forzata e crudele dei poveri volatili, fino all’ingrossamento anormale e malato dell’organo, che quando finisce nei nostri piatti viene invece considerato una leccornia. Sensibile alla tematica animalista, Gauthier lo ha rivisitato in chiave cruelty-free, utilizzando un composto a base di lenticchie, funghi, scalogno, noci e barbabietole, ricoperto di burro vegetale. Molto meglio! ...