Resta sempre aggiornato sul mondo Rivista Kaizen

iscriviti alla newsletter

Rivista Kaizen Blog

Rivista Kaizen Blog - Uno sconfinamento pericoloso

Uno sconfinamento pericoloso

21/06/2018 0 commenti
Uno sconfinamento pericoloso

A fine maggio, Ivan Haralimpiev, un contadino bulgaro, si accorge che una delle sue mucche è sparita: la fuggiasca si chiama Penka, che senza accorgersene ha attraversato il confine con la Serbia, presso Oltomantsi. Poiché non è più in territorio UE, viene fermata alla frontiera e messa in quarantena, con il rischio di finire al mattatoio, secondo protocollo.

A quel punto si scatena l’opinione pubblica, che attraverso la stampa e la mobilitazione sul Web chiede a gran voce la liberazione di Penka, per esempio attraverso l’hashtag #savePenka o con una petizione ufficiale su Change.org.

Finalmente l’11 giugno l’Agenzia bulgara per la sicurezza alimentare dichiara che la mucca sta bene e può tornare a casa. Un lieto fine, a differenza della “sorella” polacca, che purtroppo non ce l’aveva fatta.

Lascia un commento



Commenti