Resta sempre aggiornato sul mondo Rivista Kaizen

iscriviti alla newsletter

Rivista Kaizen Blog

Rivista Kaizen Blog - Spagna delle meraviglie

Spagna delle meraviglie

10/03/2017 0 commenti
Spagna delle meraviglie

Tra città medievali, chiese isolate, distese di girasoli e campi coltivati, ecco a voi la Spagna più autentica, antica, segreta; piena di passione e ricca di sorprese.
Parliamo della Castiglia che sta alla Spagna come la Toscana sta all’Italia: è qui che ha avuto origine la lingua moderna (tanto che castellano ed español sono sinonimi), e sempre qui si sono sviluppate splendide città che conservano le vestigia, soprattutto medievali, del loro ricco passato. Procedendo verso ovest da Madrid in direzione del Portogallo, si incontrano castelli, monasteri, piccoli villaggi, fortificazioni, campi di girasole e montagne boscose. È la Spagna del passato, com’era prima che il turismo di massa e il mondo moderno approdassero sulle sue coste. Questa è la vera anima del Paese, una regione quasi segreta che magicamente svela le sue bellezze man mano che la si percorre.

Da viaggiatore vegan non è però un luogo facile, dato che la carne e i derivati animali sono tuttora centrali nella gastronomia locale. Tuttavia, non bisogna lasciarsi scoraggiare, mai darsi per vinti. Anche qui è possibile godere di ottime esperienze gastronomiche da abbinare alle ricche testimonianze artistiche e culturali. Lasciamoci allora tentare dalla castellana (o sopa de ajo: zuppa di aglio) una delle ricette più tipiche della gastronomia spagnola. Castigliana di origine, viene preparata in tutto il Paese.

Ingredienti per 4 persone

- 8 spicchi di aglio 120 g di pane secco a fette o pezzetti
- 1 cucchiaino di Pimentón de la Vera  (o di paprica dolce)
- 1,5 l di brodo vegetale
- 4 cucchiai di olio extravergine di oliva

Preparazione

Affettate gli spicchi di aglio e poneteli in una casseruola con l’olio.
Scaldateli senza farli dorare e metteteli da parte.
Nell’olio aromatizzato soffriggete quindi il Pimentón de la Vera.
Aggiungete il pane e soffriggetelo nell’olio speziato in modo che lo assorba.
Coprite con il brodo e unite di nuovo l’aglio. Lasciate cuocere 15 minuti e servite.

Lascia un commento



Commenti