Resta sempre aggiornato sul mondo Rivista Kaizen

iscriviti alla newsletter

Rivista Kaizen Blog

Rivista Kaizen Blog - Tanti auguri, micio!

Tanti auguri, micio!

13/02/2017 0 commenti
Tanti auguri, micio!

Il 17 febbraio si celebra la Giornata nazionale del gatto, e siamo sicuri che coccolerete a dovere il vostro re leoncino di casa. E se provaste anche a... interpretare i suoi comportamenti? Noi vi diamo le dritte per farlo, con le situazioni tipo più diffuse, il modo in cui le vivono i nostri amici a quattro zampe e il consiglio del veterinario per reagire al meglio.

Partiamo dalla sveglia mattutina: alle 6 del mattino, il gatto gratta e vocalizza alla porta della camera del suo umano. A cosa pensa il gatto? «Eh! Oh! Svegliati, è ora d’uscire!». Il consiglio del veterinario: se non avete installato una gattaiola o il gatto non ha la possibilità di uscire, è inevitabile che si metterà a grattare o a saltare di fronte alla porta per svegliarvi.
Se volete evitarlo, non ricompensate mai i suoi comportamenti indesiderati (cioè non rispondete ai suoi vocalizzi e al suo grattare alla porta), ma anche non indugiate e procurategli uno spazio per giocare.

Jean Cuvelier, laureato all’École Nationale Vétérinaire di Alfort (ENVA) e alla facoltà di medicina veterinaria di Parigi, ha creato un vero è proprio dizionario  in cui vengono decodificati i comportamenti e le situazioni della vita quotidiana «lato umano» e «lato gatto», attraverso oltre 180 parole-chiave classificate dalla A alla Z: appartamento, caduta, lettiera, miagolio, risveglio mattutino… ma anche albero, trasloco, termosifone, topo… Cosa ci vuole dire, come dobbiamo rivolgerci al nostro micio, come possiamo interpretare il comportamento tra gatti. E tutte le regole per rendere più serena la nostra convivenza.

Lascia un commento



Commenti